.
Annunci online

Mente insana in corpore insano!
letteratura
13 gennaio 2010
tropico del cancro
"Ma cosa son diventato, perdio! Che diritto avete voi altri d'ingombrare la mia vita, di rubare il mio tempo, di frugarmi nell'anima, di succhiarmi il pensiero, di volermi vostro compagno, confidente e informatore? Per chi mi avete preso? Son forse un attore salariato per recitare tutte le sere, dinanzi ai vostri musi da schiaffi, la commedia dell'intelligenza? Son forse uno schiavo comprato e pagato che debba inchinarmi ai vostri capricci di sfaccendati e offrire in omaggio tutto quel che so e fo? ...
Sono un uomo libero; ho bisogno della libertà, ho bisogno di star solo, ho bisogno di rimurginare fra me e me le mie vergogne e le mie tristezze, di godermi il sole e i sassi della strada senza compagnia e senza discorsi, colla sola musica del mio cuore. Cosa volete da me? Quel ch'io voglio dire lo stampo; quel che voglio dare lo do. La nostra curiosità mi fa stomaco; i vostri complimenti mi umiliano; il vostro tè mi avvelena. Non debbo nulla a nessuno e ho da fare i miei conti soltanto con Dio; SE ESISTE."
(Tropico del Cancro - H. Miller)

Giustificazione aggressiva per la mia assenza su questo blog.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tropico del cancro henry miller

permalink | inviato da InsanaMente il 13/1/2010 alle 15:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        aprile

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte








Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. non puo', pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Inoltre le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarmelo e saranno subito rimosse.








Non c’è niente di costante,
tranne il cambiamento.







Vivi come credi, fai cosa ti dice il cuore, fai cio' che vuoi. La vita è un opera di teatro che non ha prove iniziali. Canta, ridi, balla, ama e vivi intensamente ogni momento della tua vita prima che cali il sipario e l'opera finisca senza applausi.
(Charlie Chaplin)


Noi siamo puniti delle inibizioni che ci imponiamo, ogni impulso che cerchiamo di soffocare fermenta nella nostra anima e ci intossica. Il corpo pecca, ma una volta che ha peccato ha superato la sua colpa perché l’azione è una forma di purificazione: nulla più rimane se non il ricordo di un piacere o la voluttà di un rimpianto. L’unico modo per liberarsi di una tentazione è di abbandonarvisi: resistete, e la vostra anima si ammalerà di nostalgia per le cose che si è vietata, di desiderio per ciò che le sue mostruose leggi hanno reso mostruoso e fuori legge.
(0scar Wilde)



Non voglio che la mia coscienza rovini la parte migliore di me


C'est moi:







Il più bel regalo che si possa fare a qualcuno è ascoltarlo; l'ascolto nobilita colui che lo esercita!

Non bisogna appoggiarsi troppo ai principi, perché poi si piegano!




Me&MyFriends:




















Chi vive senza follie non è così saggio come crede!!



La prima necessità dell'uomo è il superfluo!
(Einstain)


My passion:














La terra ha musica per coloro che ascoltano
(Shakespeare)



Amimegusta:

























Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marcia, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.
Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per nseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.
Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.